Delitto Caccia, si riparte da indagini

Il processo milanese a carico di Rocco Schirripa, accusato di essere l'esecutore materiale dell'omicidio del 1983 del procuratore di Torino Bruno Caccia, si è chiuso oggi con una sentenza di "non doversi procedere". Lo ha deciso la Corte d'Assise sulla base dell'errore procedurale della Procura che non aveva chiesto la riapertura delle indagini non essendo a conoscenza di un precedente fascicolo archiviato. La Procura ha già riaperto le indagini 2 giorni fa e disposto un fermo per Schirripa. Si riparte dunque dalle indagini. Una "brutta sorpresa e un'ulteriore beffa dopo tanti anni di sofferenza che ci hanno molto provato", commenta una delle figlie del magistrato ucciso più di trent'anni fa. "Mio padre credeva ed è morto per la giustizia, bisogna avere fiducia". Ora, ha proseguito, "tutto è nelle mani del gip" che dovrà decidere sulla convalida del fermo e sulla misura cautelare per Schirripa dopo che le indagini sono state riaperte due giorni fa.

ANSA

Altre notizie

Notizie più lette

  1. Freddo e nebbia, a Lodi è allarme inquinamento fino a sabato
    Il Cittadino
  2. Lodi-Monza, derby d'alta quota. Cocco: "Martinez è un pericolo"
    Il Giorno.it
  3. La Bondi non inoltra ricorso: sfiderà Piacenza senza Moreno
    la nuova ferrara
  4. Manovra: Coldiretti, bene via libera, ecco le misure per l'agricoltura
    Pavia7
  5. Ritardi, proteste e la nuova tangenziale di Casalpusterlengo non "decolla"
    Il Cittadino

Gli appuntamenti

In città e dintorni

SCOPRI TUTTI GLI EVENTI

San Colombano al Lambro

FARMACIE DI TURNO

    Nel frattempo, in altre città d'Italia...